I

Newsletter di RadioMaria

Newsletter di P. Livio - 5 giugno 2018 

 

Editoriale di P. Livio in homepage www.radiomaria.it

Nomina del Visitatore Apostolico a carattere speciale per la parrocchia di Medjugorje

 

Cari amici,

la decisione del Santo Padre di nominare Mons. Hoser “Visitatore Apostolico” per la Parrocchia di Medjugorje, a tempo indeterminato, alle dirette dipendenze della Santa Sede è da considerarsi un passo molto importante, che manifesta la sollecitudine del Papa per l’accompagnamento spirituale dei pellegrini in questo luogo privilegiato di grazia e di conversione. Tutti quindi possono recarsi a Medjugorje liberamente, senza se e senza ma, ed accogliere il pressante invito della Regina della pace a decidersi per la fede, la preghiera e la conversione.

 

Vostro Padre Livio

 

L'immagine può contenere: 1 persona, in piedi


*COMUNICATO DELLA SALA STAMPA DELLA SANTA SEDE* - Medjugorje 31 maggio 2018

 

Nomina del Visitatore Apostolico a carattere speciale per la parrocchia di Medjugorje

 

Testo originale: Italiano

In data 31 maggio 2018 il Santo Padre ha nominato S.E. Mons. Henryk Hoser, S.A.C., Arcivescovo-Vescovo emerito di Warszawa-Praga (Polonia), Visitatore Apostolico a carattere speciale per la parrocchia di Medjugorje, a tempo indeterminato e ad nutum Sanctae Sedis. Si tratta di un incarico esclusivamente pastorale, in continuità con la missione di Inviato Speciale della Santa Sede per la parrocchia di Medjugorje, affidata a Mons. Hoser l’11 febbraio 2017 e da lui conclusa nei mesi scorsi. La missione del Visitatore Apostolico ha la finalità di assicurare un accompagnamento stabile e continuo della comunità parrocchiale di Medjugorje e dei fedeli che vi si recano in pellegrinaggio, le cui esigenze richiedono una peculiare attenzione.


 

Messaggio della Regina della pace del 2 Giugno 2018 alla veggente Mirjana

 

"Cari figli,
vi invito ad accogliere con semplicità di cuore le mie parole, che vi dico come Madre affinché vi incamminiate sulla via della luce piena, della purezza, dell’amore unico di mio Figlio, uomo e Dio. Una gioia, una luce indescrivibile con parole umane penetrerà nella vostra anima, e verrete afferrati dalla pace e dall’amore di mio Figlio. Desidero questo per tutti i miei figli.
Perciò voi, apostoli del mio amore, voi che sapete amare e perdonare, voi che non giudicate, voi che io esorto, siate un esempio per tutti quelli che non percorrono la via della luce e dell’amore o che hanno deviato da essa. Con la vostra vita mostrate loro la verità, mostrate loro l’amore, poiché l’amore supera tutte le difficoltà, e tutti i miei figli sono assetati d’amore. La vostra comunione nell’amore è un dono per mio Figlio e per me. Ma, figli miei, ricordate che amare vuol dire sia voler bene al prossimo che desiderare la conversione della sua anima. Mentre vi guardo riuniti attorno a me, il mio Cuore è triste perché vedo così poco amore fraterno, amore misericordioso.

Figli miei, l’Eucaristia, mio Figlio vivo in mezzo a voi, e le sue parole vi aiuteranno a comprendere. La sua Parola, infatti, è vita, la sua Parola fa sì che l’anima respiri, la sua Parola vi fa conoscere l’amore.
Cari figli, vi prego nuovamente, come Madre che vuol bene ai suoi figli: amate i vostri pastori, pregate per loro. Vi ringrazio!"

 

Ascolta QUI l’audio del commento al messaggio a cura di P. Livio

 

L'immagine può contenere: cielo, nuvola, albero, erba, spazio all'aperto e natura


 

Messaggio della Regina della pace del 25 maggio 2018 alla veggente Marja

"Cari figli! In questo tempo inquieto vi invito ad avere più fiducia in Dio che è il Padre vostro nei cieli e che mi ha mandato per condurvi a Lui. Voi, aprite i vostri cuori ai doni che Lui desidera darvi e nel silenzio del cuore adorate mio Figlio Gesù, che ha dato la Sua vita affinché viviate nell'eternità dove desidera condurvi. La vostra speranza sia la gioia dell'incontro con l'Altissimo nella vita quotidiana. Per questo vi invito: non trascurate la preghiera perché la preghiera fa miracoli. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.

 

                                                                  * * *

 

Testo della telefonata tra Marija di Medjugorje in diretta con P. Livio per il messaggio del 25 maggio

 

P. Livio: La Madonna comincia questo messaggio parlando di "tempo inquieto", che significa "tempo senza pace". Secondo te, perché la Madonna dice che questo tempo è senza pace?

 

Marija: In primavera tutti noi cerchiamo di fare, fare, ma dimentichiamo di mettere Dio nel nostro fare. Per questo siamo inquieti: perché non abbiamo Dio. L’inquietudine ha preso il mondo, ha preso i nostri cuori, le famiglie e anche le nostre attività... La Madonna ci dice che solo in Dio c’è la nostra pace e ci sta aiutando per questo. Penso all’inquietudine mondiale con tutte le ideologie: non ci fidiamo più di Dio. Invece la Madonna ci invita ad avere più fiducia in Dio...

 

P. Livio: Avendo perso Dio, abbiamo perso la pace e anche la strada. Infatti tante volte la Madonna ha detto che Lei è qui inviata dall’Onnipotente, per condurci a suo Figlio, per condurci lungo la strada che porta all’eternità...

 

Marija: Sì, perché, come dice nel messaggio, manca la “fiducia in Dio che è il Padre vostro nei cieli e che mi ha mandato per condurvi a Lui”... La Madonna conosce la nostra mancanza di fiducia in Dio. Infatti tante volte l’uomo pensa di essere lui Dio... Lei vuole condurci a Dio: Lui è la nostra gioia, la nostra pace, la nostra benedizione, la nostra guarigione... La Madonna ha detto più volte: “Senza Dio non avete né futuro, né vita eterna”.

 

P. Livio: Perdendo Dio, abbiamo perso la strada e il fine della vita. Non sappiamo cosa dobbiamo fare della vita. Il fine della vita è cercare Dio.

 

Marija: Per questo la Madonna ci chiede: “Voi aprite i vostri cuori ai doni che Lui desidera darvi e nel silenzio del cuore adorate mio Figlio Gesù, che ha dato la sua vita affinché viviate nell’eternità dove desidera condurvi”. Oggi si parla di aborto sì, aborto no, di fine vita, di eutanasia, tutte ideologie che stanno penetrando nella nostra società. Sembra che decidiamo noi della vita. Invece la vita terrena è sacra dal concepimento fino alla fine naturale. Poi dice che suo Figlio Gesù ha dato la sua vita affinché viviamo nell’eternità dove desidera condurci. Vuole dirci che la nostra vita terrena finisce qua, ma poi noi nasciamo... Infatti quando è morto P. Slavko la Madonna ha detto: “Vostro fratello Slavko è nato in Cielo”. Vedo che quando muore qualcuno, mi scrivono che questo fratello o sorella è nato o nata in Cielo... Abbiamo cambiato il nostro linguaggio, ma spero che, oltre alle parole, cominciamo davvero a pensare con la testa e col cuore di Dio. Allora ci affideremo a Lui che vuole condurci alla vita eterna.

 

P. Livio: Non ti pare che anche noi cristiani, a volte la stessa Chiesa, abbiamo perso la prospettiva dell’eternità? Dimentichiamo che l’unica cosa necessaria è salvare l’anima e andare in Paradiso.

 

Marija: Vedo che non si parla quasi più di Paradiso, purgatorio e inferno; non si parla più di vita eterna, come se la Chiesa fosse solo qua. Invece la grande Chiesa è là. La vera Chiesa è in Cielo, a cui dobbiamo tendere. La Madonna ripete: “Anelate al Cielo”...

 

P. Livio: Anche noi siamo Chiesa, ma Chiesa pellegrinante, che va verso la Gerusalemme celeste: è quella la nostra dimora... Vediamo nelle nostre famiglie: quando uno è vicino alla morte, i familiari si preoccupano che non abbia a soffrire, non di chiamare il sacerdote per una confessione, per la Comunione. Non sono preoccupati a pensare che con la morte si compare davanti al Signore.

 

Marija: E’ vero. Nessuno sa quando morirà. Possiamo morire da un momento all’altro... Come Padre Slavko che è morto improvvisamente sulla Collina della Croce a causa del cuore. Lui che aveva scritto tutti i suoi libri inserendo il cuore: “Pregate col cuore”, “Digiunate col cuore”, “Vivete la S. Messa col cuore”, ecc. ... E aveva appena fatto gli esami risultando tutto perfetto. Dobbiamo essere sempre pronti, come le dieci vergini sagge del Vangelo ... La Madonna ci ha chiamato a camminare sulla via della conversione e della santità fin dall’inizio. Lei ha chiesto di creare il primo gruppo di preghiera nelle nostre famiglie, poi nella parrocchia .... Uno che prega non ha paura del futuro e di quanto succede, perché ha un Padre, il nostro Padre del Cielo.

 

P. Livio: Ricordo che Padre Slavko diceva che anche se la Madonna non desse nessun messaggio, il vero grande messaggio è la sua presenza. Il solo fatto che voi vedete la Madonna, che viene ogni giorno, che prega per noi, è il Cielo che viene sulla terra: allora il Cielo c’è, la vita eterna c’è.

 

Marija: Infatti la Madonna ha portato Vicka e Jakov in Paradiso, purgatorio e inferno... Quando li ha riportati qui, ha detto: “Adesso testimoniate!” Noi dobbiamo testimoniare, ma testimoniare ciò di cui abbiamo esperienza. Se abbiamo esperienza di Dio, esperienza di preghiera, dobbiamo gridare. Ma per esempio non puoi parlare di digiuno se non fai digiuno...

 

P. Livio: All’inizio non capivo cosa volessero dire le parole della Madonna di aprire il cuore. Poi ho capito che aprire il cuore è decidere di fare entrare Dio nella propria vita, farlo entrare nel mio cuore come la persona più importante della mia vita.

 

Marija: Fare entrare Dio significa anche dire sì alla preghiera. Dio bussa, ma noi possiamo anche dire di no. Lui entra se diciamo sì; e allora tutto cambia.

 

P. Livio: Anche un’altra volta la Madonna ha detto che la preghiera opera miracoli nei cuori e nel mondo. Perché è così potente la preghiera?

 

Marija: Pregare vuol dire sì a Dio. Ricordo che all’inizio arrivavano tanti malati... e la Madonna diceva: “Pregate e chiedete al sacerdote di benedirli e pregare su di loro”. Abbiamo visto che pregando arrivavano anche i miracoli, persone che guarivano, che venivano liberate... Abbiamo cominciato a fidarci sempre di più... Oltre alla preghiera, anche il digiuno, i sacrifici, anche le novene... tra poco faremo la novena per l’anniversario delle apparizioni, 25 giugno... La Madonna ha detto: “Aprite il cuore quando pregate, soprattutto quando pregate il Rosario; allora Io posso intervenire per aiutarvi”. La Madonna prende la nostra preghiera e la presenta a suo Figlio Gesù. Lei ci aiuta anche in cose materiali, come ha fatto a Cana di Galilea perché mancava il vino.

 

P. Livio: Nelle parole "non trascurate la preghiera" mi pare ci sia un po’ un rimprovero.

 

Marija: Pare anche a me. Le parole che mi hanno più colpito in questo messaggio sono: “La vostra speranza sia la gioia dell’incontro con l’Altissimo nella vita quotidiana. Per questo vi invito: non trascurate la preghiera perché la preghiera fa miracoli” ... Non dobbiamo trascurare la preghiera nella vita quotidiana mettendo Dio al primo posto nella nostra vita.

 

P. Livio: Se si prega col cuore, se si adora Gesù nel silenzio e si sente la sua presenza, proviamo una gioia di Paradiso.

 

Marija: E’ vero. Se abbiamo Dio nel cuore, può anche arrivare il terremoto a distruggere tutto, ma non perdiamo la gioia, perché la nostra prospettiva diventa l’eternità.... La Madonna è stata sotto la Croce, ha vissuto la passione di suo Figlio, ma coi suoi occhi di cielo vede tutto in un altro modo...

 

P. Livio: Tu che vedi la Madonna ogni giorno, secondo te qual è la sua più grande preoccupazione?

 

Marija: Io credo quella dove la Madonna dice: “Senza Dio non avete né futuro, né vita eterna”. Se uno prega, ha già la speranza, crede. Ma quando non c’è Dio, non c’è futuro... Il Padre ci ha mandato Maria per condurci a Lui. Lo vediamo in tante persone che hanno avuto la conversione e hanno riscoperto la gioia di vivere. Questo auguro ad ognuno: riscoprire la preghiera, riscoprire Dio, riscoprire la vita eterna attraverso la morte e la risurrezione di Gesù...

 

Marija e Padre  Livio hanno recitato il “Magnificat” ed il Gloria
Padre Livio ha concluso con la benedizione.

 

Ascolta QUI l’audio del commento al messaggio del 25 Maggio a cura di P. Livio

 

Ascolta QUI l’audio della telefonata di P. Livio con la veggente Marija del 25 Maggio 2018

 


 

"LA PACE DEL CUORE - Il messaggio di purificazione di Medjugorje"

di Padre Livio (edizioni Piemme)

 

Image

 

Dio è la fonte della pace, perché lui solo ci ama incondizionatamente e solo da lui può venire il perdono. Ciò che tormenta l'uomo è il rimorso per il male compiuto, il senso profondo di una responsabilità tradita verso il bene. È impossibile vivere in pace se si è complici del maligno. In questa appassionata meditazione sugli ultimi messaggi di Medjugorje, padre Livio suggerisce il primo passo verso una progressiva riconquista della pace del cuore.

 

RICHIEDI IL LIBRO AI NOSTRI UFFICI:

telefona allo 031-610600

scrivi info.ita@radiomaria.org 

Image
 
 
  

alla prossima newsletter!



   

CERCHI QUALCOSA?

Contenuti Medjugorje

Risultati immagini per VOLTO MADONNA MEDJUGORJE


 

RADIO MARIA E IL PAPA

Notizie dal mondo della chiesa

Le nostre preghiere

Devozioni, Coroncine, Novene, Suppliche

Risultati immagini per DEVOZIONI SUPPLICHE




notizie radio vaticana

Ricerca Collaboratori

Se vuoi collaborare con noi clicca qui

Radio Maria - Via Milano 12, 20036 Erba (CO) - CF 97152910580 - info.ita@radiomaria.org

Privacy | Mappa del sito | Versione stampabile | Entra | © 2008 - 2018 Radio Maria | Powered by WFRM