Newsletter di RadioMaria

Newsletter di P. Livio - 12 Luglio 2017 

 

Immagine correlata

Cari amici, 

per capire dove sta andando il mondo e che cosa Dio vuole da noi, dobbiamo meditare i messaggi della Regina della pace, che vede dal cielo le vicende della terra e che ci rivela le terribili insidie che il principe di questo mondo sta tendendo alla Chiesa e all'umanità intera. La presenza dell' Ancella del Signore in mezzo a noi, per un tempo così lungo, non ha precedenti nella storia bimillenaria della Chiesa. La Madonna stessa ci ha detto il perché di questa inestimabile grazia che il Cielo ha fatto alla nostra generazione: la luce della fede si va spegnendo, le anime si perdono e il mondo cammina sull'orlo dell'abisso. Satana ha esteso ovunque la sua falsa luce ed è riuscito a far credere  che lui non esiste e che l'uomo è il padrone del mondo. La tenebra della menzogna e della morte "vuole regnare" ovunque, come ci rivela la Madonna. Il mondo è in balia di una deriva anticristica senza precedenti e prepara il momento in cui " l'uomo iniquo", "il figlio della perdizione" siederà sul trono di Dio e indicherà se stesso come Dio (San Paolo 2 Tessalonicesi, 2,3-4). In questo drammatico passaggio storico la Madre di Dio sta preparando la schiera dei suoi apostoli, perché siano delle piccole luci che illuminano la notte del male, contrastandola con coraggio e impedendo ad essa l'annientamento delle coscienze. Per compiere questa missione  senza indietreggiare e senza compromessi è necessaria "una preghiera profonda" che ci unisca intimamente al Signore e una fedeltà assoluta a tutte le parole del Vangelo, perché l'umanità non rimanga senza luce e il mondo senza sale. La Madonna ci esorta a tenere accesa la speranza perché è "attraverso di voi, che siete umili, modesti, ricolmi di amore, nascosti e santi, che il mio cuore trionferà".

Vostro Padre Livio
(Editoriale in homepage, www.radiomaria.it)

  

Messaggio a Mirjana del 2 luglio 2017

Come ogni 2 del mese verso le ore 9 del mattino la Madonna è apparsa a Medjugorje alla veggente Mirjana e le ha dato il seguente messaggio:

"Cari figli, 
grazie perché rispondete alle mie chiamate e perché vi radunate qui attorno a me, la vostra Madre Celeste. 
So che pensate a me con amore e speranza. 
Anch’io provo amore verso tutti voi, come ne prova anche il mio dilettissimo Figlio che, nel suo amore misericordioso, mi invia a voi sempre di nuovo. 
Lui, che era uomo, che era ed è Dio, uno e trino; Lui, che ha sofferto a causa vostra sia nel corpo che nell’anima.
Lui che si è fatto Pane per nutrire le vostre anime e così le salva.
Figli miei, vi insegno come essere degni del suo amore, a rivolgere i vostri pensieri a Lui, a vivere mio Figlio. 
Apostoli del mio amore, vi circondo col mio manto, perché, come Madre, desidero proteggervi.  Vi prego: pregate per il mondo intero. 
Il mio Cuore soffre. I peccati si moltiplicano, sono troppo numerosi.
Ma con l’aiuto di voi — che siete umili, modesti, ricolmi d’amore, nascosti e santi — il mio Cuore trionferà. 
Amate mio Figlio al di sopra di tutto ed il mondo intero per mezzo di Lui. Non dovete mai dimenticare che ogni vostro fratello porta in sé qualcosa di prezioso: l’anima. 
Perciò, figli miei, amate tutti coloro che non conoscono mio Figlio affinché, per mezzo della preghiera e dell’amore che viene dalla preghiera, diventino migliori; affinché la bontà possa trionfare in loro, affinché le loro anime si salvino ed abbiano la vita eterna. 
Apostoli miei, figli miei, mio Figlio vi ha detto di amarvi gli uni gli altri.
Ciò sia scritto nei vostri cuori e, con la preghiera, cercate di vivere questo amore. Vi ringrazio!”


Commento di Padre Livio al messaggio del 2 luglio 2017 

Un messaggio lungo e intenso, colmo di amore materno, di sollecitudine per tutti quei figli che si perdono, per le anime da salvare e una richiesta d’aiuto che la Madonna, in questa sua grande opera, rivolge a noi. 

Vediamo allora le parti attraverso le quali questo messaggio si sviluppa. Nella prima parte, (come nel messaggio del 25 giugno, dove la Madonna ci aveva ringraziato per la costanza dimostrata in tutto questo tempo), ci ringrazia per questa perseveranza: “grazie perché rispondete alle mie chiamate”. 
La Madonna non chiama soltanto una volta, ma chiama al suo servizio sempre, continuamente, quindi c’è gioia da parte di tutti quelli che hanno perseverato nella chiamata, ma chiama soprattutto quelli che, dopo aver risposto si sono stancati, si sono allontanati. Chiama quelli che non hanno mai risposto, che sono ancora lontani dal suo Cuore perché si decidano a rispondere. 

La Madonna ringrazia anche “perché vi radunate qui attorno a me, la vostra Madre Celeste”. Ringrazia tutti i presenti all’Apparizione del 2 luglio, migliaia di persone, ma anche quelli che, non potendo andare, vi partecipano col desiderio di essere tutti intorno alla Madre Celeste. 
“So che pensate a me con amore e speranza”, la Madonna legge nei cuori e vede il nostro grande amore per Lei, ma soprattutto la nostra grande speranza, perché siamo consapevoli che se saranno Gesù e la Madonna a salvarci, non vediamo chi ci potrà salvare in questo mondo.

E la Madonna ci rassicura dicendo: “Anch’io provo amore verso tutti voi, come ne prova anche il mio dilettissimo Figlio che, nel suo amore misericordioso, mi invia a voi sempre di nuovo”. Secondo i veggenti, per la loro esperienza, l'Apparizione è sempre un evento nuovo ed anche per la Madonna, il fatto di apparire, è sempre un evento nuovo, è sempre un invio da parte di suo Figlio, è sempre un'obbedienza a Lui. Non c'è nulla di scontato, non ci sono ripetizioni meccaniche. 

Poi la Madonna sintetizza i misteri principali della fede. 
“Lui, che era uomo, che era ed è Dio, uno e trino”.. E' il punto più denso di questo messaggio nel quale la Madonna proclama l'umanità e la divinità di Suo Figlio. Gesù è uomo e Dio e proclama il mistero del Dio cristiano che è la Santissima Trinità, uno e trino,

“Lui, che ha sofferto a causa vostra sia nel corpo che nell’anima”,  a causa dei nostri peccati ha sofferto, ma ha sofferto per espiarli a nostro favore, per il nostro amore, per la nostra salvezza. 

Questa mattina, nella catechesi registrata, Padre Gasparino raccontava che quando andava a catechismo, avevano insegnato i due misteri principali della fede: l'unità e la trinità di Dio e  l'incarnazione e morte di nostro Signore Gesù Cristo. 
Molti cristiani non conoscono più questi misteri principali della fede, che costituiscono il minimo necessario per ricevere i Sacramenti. 
Questi misteri oggi sono insidiati dal modernismo, sono insidiati dalla secolarizzazione, sono insidiati da tutti coloro che, avendo perso la fede, vogliono dare una versione "intramondana" del cristianesimo. 

La Madonna ha voluto mettere in evidenza il cuore della fede cristiana: il Dio vero non è un Dio comune a tutte le religioni, una specie di essere supremo, no! Il Dio vivo e vero è il Padre di nostro Signore Gesù Cristo che è uno e trino, che è Padre, Figlio e Spirito Santo! È il Dio della rivelazione cristiana.
Il sacrificio di Gesù è perpetuato nell'Eucarestia: “Lui che si è fatto Pane per nutrire le vostre anime e così le salva”. Nell’Eucarestia ci viene dato il pane vivo per nutrire le nostre anime. 

Poi la Madonna spiega: “Figli miei”, (Lei ci indirizza sempre verso suo Figlio, non attira mai l'attenzione su di sé), “vi insegno come essere degni del suo amore, a rivolgere i vostri pensieri a Lui, a vivere mio Figlio”, a pensare a Gesù, meditare su Gesù, meditare sulla sua passione attraverso la quale si vede il suo amore e si vede anche il nostro disamore e i nostri peccati, e quindi rivivere Gesù nella nostra vita. Meditiamo il Vangelo, come dice Papa Francesco, “tenete il Vangelo in tasca”, perché in questo modo noi possiamo masticare le parole di Gesù e vivere nella nostra vita la vita di Gesù. 

“Apostoli del mio amore, vi circondo col mio manto, perché, come Madre, desidero proteggervi”. Desidera proteggerci, come un giardino che deve essere protetto dalle tempeste, dagli insetti nocivi, dalle serpi. 
Come in ogni messaggio,  ci porta nella prima parte alle fonti della grazia, nella seconda poi ci porta al mondo che attende l'acqua della grazia, l'acqua della salvezza e ci dice “voi che siete apostoli del mio amore”, “Vi prego: pregate per il mondo intero”. Questo è un mondo nella tenebra del male, della menzogna e della morte.

La Madonna è fedele al suo programma iniziato nel 1984, quando ha eletto la Parrocchia, dicendo: “Convertitevi voi della Parrocchia, affinché tutti quelli che vengono qui si convertano a loro volta”. 
Ci invita alla conversione affinché diventiamo apostoli del suo amore e così possiamo aiutarLa  a convertire il mondo intero. 
“Il mio Cuore soffre. I peccati si moltiplicano, sono troppo numerosi”. 
La Madonna ripete ogni tanto questo suo dolore immenso.

Nel maggio 1984 aveva detto: “il mio Cuore versa lacrime di sangue per ogni mio figlio che si perde nel peccato” e il 2 dicembre 2016 aveva detto: “il mio Cuore materno piange mentre guardo quello che fanno i miei figli. I peccati si moltiplicano, la purezza dell’anima è sempre meno importante. Mio Figlio viene dimenticato e adorato sempre meno ed i miei figli vengono perseguitati”. 
Ci chiede aiuto: “Ma con l’aiuto di voi”, e pronuncia cinque parole che dobbiamo imprimere nel nostro cuore: “che siete umili, modesti, ricolmi d’amore, nascosti e santi”. Queste sono le caratteristiche degli apostoli del suo amore perché è così che sconfiggiamo il superbo, l’orgoglioso, il padrone del mondo, la sua boria di mettersi al posto di Dio. La dittatura dell’impero delle tenebre viene distrutta dal popolo degli umili, dei modesti, dei ricolmi di amore, dei nascosti e dei santi e, se siamo così, “ il mio Cuore trionferà”.

“Amate mio Figlio al di sopra di tutto.” 
Il Papa, ieri, ha detto che l’amore per Gesù deve essere superiore all’amore del padre, della madre, a tutte le forme di amore umano, “ed il mondo intero per mezzo di Lui". La Madonna rivela quello che suo Figlio Le ha detto: "Lei è Madre di tutti gli uomini" e quindi vuole salvare tutte le anime e presentarle a Dio. 
“Non dovete mai dimenticare che ogni vostro fratello porta in sé qualcosa di prezioso: l’anima”. 

Nell’ultima parte di questo bellissimo messaggio ci ricorda che l’anima è immortale ed il mondo d’oggi nega la sua esistenza. Questa negazione dell’anima si insinua anche tra i credenti che identificano se stessi con il loro corpo. 

Dobbiamo riuscire a vedere la presenza dell’anima in tutti gli esseri umani e operare perché si salvino le loro anime. Noi diamo troppa importanza al corpo e ai problemi legati al corpo, (che hanno la loro importanza, perché il corpo fa parte della persona), ma infinitamente più importante è l’anima, la purezza dell’anima. Se l’anima muore, il corpo diventa un corpo animale. 

“Perciò, figli miei, amate tutti coloro che non conoscono mio Figlio affinché, per mezzo della preghiera e dell’amore che viene dalla preghiera, diventino migliori”, vogliamo cooperare a salvare le anime? Molte volte si tratta delle anime dei nostri figli, dei nostri genitori, dei parenti, delle persone che conosciamo e allora - preghiera e amore - “affinché la bontà possa trionfare in loro”, “affinché le loro anime si salvino ed abbiano la vita eterna”. 
Operiamo perché le anime dei fratelli si salvino prima di tutto pregando, perché è la grazia che converte, e la grazia si ottiene con la preghiera e poi con la bontà.
“Apostoli miei, figli miei, mio Figlio vi ha detto di amarvi gli uni gli altri. Ciò sia scritto nei vostri cuori e, con la preghiera, cercate di vivere questo amore. 
Vi ringrazio!” 

 
ASCOLTA L'AUDIO DEL COMMENTO AL MESSAGGIO - di P. Livio




  

Il vaglio dei cuori nel tempo dei segreti 
(Padre Livio - La luce nella tempesta. Medjugorje e il destino del mondo – Ed. Piemme)

            Mai, nella storia bimillenaria del cristianesimo, è risuonato come nel nostro tempo la chiamata alla conversione. L’Onnipotente ha inviato la Madre per questo appello globale, che risuona dal lontano 1981 e che è rivolto non solo alla Chiesa ma anche al mondo intero: “«Sono venuta a chiamare il mondo alla conversione per l’ultima volta. In seguito non apparirò più sulla terra. Queste sono le mie ultime apparizioni.” (02 – 05 – 1982). La Madonna è qui per la sua ultima battaglia contro satana e per la sua più grande vittoria. Dopo il tempo della pace sulla terra, che avrà inizio col compimento dei dieci segreti, l’impero delle tenebre tenterà l’ultimo assalto, ma allora sarà Cristo stesso che verrà sulle nubi del cielo, “con potenza e gloria grandi” , a  gridare il suo “Basta!” al mistero di iniquità e a portare a compimento la sua grande opera di misericordia e di salvezza. Nel lungo tempo della presenza di Maria molti hanno risposto alla chiamata, ma un numero enorme non l’ha neppure presa in considerazione. E’ la Gospa stessa a fare il bilancio: "Cari figli, oggi vi invito a pregare e a digiunare per le mie intenzioni, perché satana vuole distruggere il mio piano. Ho iniziato qui con questa parrocchia e ho invitato il mondo intero. Molti hanno risposto ma è enorme il numero di coloro che non vogliono sentire né accettare il mio invito. Perciò voi che avete pronunciato il SI, siate forti e decisi. Grazie per aver risposto alla mia chiamata” ( 2- 08- 2011). E’ una illusione fatale pensare che ciò possa avvenire senza  gravi conseguenze. L’umanità infatti galleggia su un mare di fuoco e solo dei cuori induriti e accecati possono rifiutare un aiuto straordinario che li porti in salvo.  La presenza della Regina della pace è la riposta di infinita misericordia che viene data a un mondo immerso nel peccato e sotto la ferrea dittatura del demonio. Che accadrà a quelli che la rifiutano?
            Il tempo dei segreti è un tempo speciale nel quale ogni uomo, nessuno escluso, dovrà fare le sue scelte e decidersi per Dio o contro Dio. Nessuno potrà esimersi dal prendere una posizione, dalla quale dipenderà il suo destino eterno. La Gospa  ha richiamato più volte alla responsabilità che deriva a ognuno dal fatto che ha ricevuto da Dio il libero arbitrio, arrivando persino a dire: “ Dio ha dato a tutti la libertà, che io rispetto con tutto l’amore; ed io mi sottometto, nella mia umiltà, alla vostra libertà ( 25 – 11 – 1987). Man mano che il tempo si avvicina la Madre ammonisce i suoi figli, specialmente i più lontani, perché si decidano per la conversione. Nessuno potrà sfuggire all’ aut – aut  che obbligherà ognuno a decidersi per Dio o contro Dio: “Figlioli, voi siete liberi di decidervi nella libertà per Dio o contro di Lui.” ( 25- 01 – 2016). Lo svolgimento dei dieci segreti sarà tale per cui verrà data la possibilità a ogni uomo di prendere posizione, accogliendo le parole della salvezza di Maria o ignorandole. Dopo l’annuncio del segno sulla montagna, che verrà dato tre giorni prima, e dopo  la sua realizzazione dinanzi agli occhi del mondo, non sarà più possibile accampare scuse per sfuggire ancora una volta alla scelta. Man mano che i segreti verranno rivelati e si realizzeranno, chi potrà accampare giustificazioni e sfuggire all’imperativo di una risposta? Gli uomini dell’interro pianeta dovranno decidersi se accogliere la salvezza offerta dal Figlio di Maria, oppure respingerla. Nessuno potrà sfuggire alla decisione di riconoscere in Gesù il Salvatore, oppure di rimanere sotto il potere del maligno. I segreti  dei cuori saranno svelati e l’umanità si dividerà in due grandi schieramenti. Ognuno andrà da quella parte dove il suo cuore lo porterà. Chi crederà si salverà, che non crederà non si salverà. L’intera storia umana è storia della salvezza e il nostro tempo lo è in modo particolare, perché è il momento culminante dell’attacco di satana alla Chiesa e al futuro stesso dell’umanità. 
            A partire dal segno sulla collina, “un segno visibile, indistruttibile, permanente, bellissimo, che viene dal Signore” (Mirjana), il mondo non potrà guardare altrove e non prenderlo in considerazione. L’umanità entrerà in una fase di inquietudine e di angoscia, in attesa di ciò che sta per accadere. Satana, che da tempo sta soffiando il vento pernicioso dell’odio e della guerra, cercherà di attuare il suo disegno perverso di distruzione universale, paralizzando le moltitudini con la paura e gettandole nella disperazione. In quel contesto risuoneranno le parole della speranza di Maria, che risplenderanno come stelle nella notte tenebrosa e che indicheranno la via della salvezza. Come nuovo Mosè, la Condottiera divina aprirà le acque del Mar Rosso e porterà sulla spiaggia della salvezza tutti quelli che la seguiranno. Le meraviglie divine compiute in passato si ripeteranno e gli uomini vedranno la potente salvezza del Figlio di Maria. La Gospa non aveva forse rivelato fin dall’inizio delle apparizioni ciò che stava per realizzare e che nessuno allora avrebbe mai immaginato? Non aveva forse predetto il crollo del comunismo, la conversione del popolo russo e l’apostasia dell’Occidente?  “Il popolo russo è il popolo nel quale Dio sarà maggiormente glorificato. L’Occidente ha incrementato il progresso, ma senza Dio, come se non fosse Lui il Creatore” ( 30 Ottobre 1981). L’anno 1991 è stato quello dei grandi eventi che hanno cambiato il mondo, senza che nessuno si rendesse conto che si stava realizzando una folgorante vittoria del Cuore Immacolato. La Regina è scesa sulla terra per affermare la sua regalità e per spinare la strada del ritorno a Cristo del mondo intero, Ciò che ha realizzato con braccio potente ci rende certi di quanto realizzerà in futuro, quando con i suoi apostoli incatenerà il drago dell’incredulità e dell’empietà, ricacciandolo nei suoi abissi tenebrosi.
            L’umanità stessa sta preparando oggi ciò che accadrà domani. Seguendo satana, che la sta portando sulla via della rovina, prepara il suo futuro di disperazione e di morte. I cosiddetti “castighi” sono le conseguenze di ciò che gli uomini provocano allontanandosi da Dio e dai suoi comandamenti. La guerra contro il loro Salvatore e Signore li rende succubi del padre della menzogna e dell’omicida fin dal principio. Il tempo dei segreti e gli eventi che ne conseguiranno non è quello dei flagelli divini, ma delle malefatte degli uomini istigati da satana. Ma è anche il tempo dell’intervento della Madre per salvare i suoi figli. Quanto la ascolteranno? Chi ha tenuto chiuso il cuore fino ad ora sarà ancora in tempo ad aprilo? Mai rimandare a domani la conversione che ci viene chiesta oggi. La Gospa ha ottenuto da Dio la grazia di rimanere per così tanto tempo perché il maggior numero di persone possibile si converta e passi illeso attraverso la prova del fuoco. Da tempo sta preparando quelli che hanno riposto alla chiamata, perché siano i testimoni della fede, gli  apostoli dell’amore e i portatori della pace. La Madonna fin dal principio li sta ringraziando perché, con la loro risposta, hanno reso possibile il trionfo progressivo del suo Cuore Immacolato e otterrà la sua ultima e più grande vittoria.
            Il mondo di oggi sta rinunciando a Cristo e lo perseguita ovunque è possibile. L’uomo moderno rinnova il peccato delle origini, con la sua pretesa di essere dio al posto di Dio. Questo mondo cadrà fragorosamente, come già avvenuto nel recente passato con le ideologie del male. Come il nazismo e il comunismo si sono dissolti nel nulla, così sarà per il nuovo totalitarismo. Si realizzerà così la profezia di San Giovanni Paolo II poco tempo prima di morire, e affidata al suo ultimo libro” Memoria e Identità”. Dal momento della venuta della Gospa è iniziata la sua marcia vittoriosa. La luce della sua presenza cresce di intensità di giorno in giorno. L’impero del male morderà la polvere sotto il calcagno della Piena di grazia.

 





 alla prossima newsletter...

 



   

CERCHI QUALCOSA?

Contenuti Medjugorje

RADIO MARIA E IL PAPA

notizie radio vaticana

Ricerca Collaboratori

Se vuoi collaborare con noi clicca qui

Le nostre preghiere

Notizie dal mondo della chiesa

Radio Maria - Via Milano 12, 22036 Erba (CO) - CF 94023530150 - info.ita@radiomaria.org

Privacy | Mappa del sito | Versione stampabile | Entra | © 2008 - 2017 Radio Maria | Powered by WFRM