I

Newsletter di RadioMaria

Newsletter di P. Livio, 11 Giugno 2018 

 


Cuore Immacolato di Maria 
Editoriale di P. Livio in homepage www.radiomaria.it

Cari amici, 

una delle grandi promesse legate alle apparizioni di Fatima è quella relativa ai primi 5 sabati del mese, in riparazione delle offese arrecate al Cuore Immacolato di Maria. Questa promessa, unitamente a quella dei primi 9 venerdì del mese, riguarda un aiuto speciale di Gesù e di Maria per ottenere la salvezza eterna della propria anima. Ecco le parole che la Santa Vergine ha rivolto a Suor Lucia il 10 Dicembre 1925.

"Guarda, figlia mia, il mio Cuore circondato di spine che gli uomini ingrati infliggono continuamente con bestemmie e ingratitudini. Consolami almeno tu e fa sapere questo: A tutti coloro che per cinque mesi, al primo sabato, si confesseranno, riceveranno la santa Comunione, reciteranno il Rosario e mi faranno compagnia per quindici minuti meditando i Misteri, con l'intenzione di offrirmi riparazioni, prometto di assisterli nell'ora della morte con tutte le grazie necessarie alla salvezza". E' questa la grande Promessa del Cuore di Maria che si affianca a quella del Cuore di Gesù. Per ottenere la promessa del Cuore di Maria si richiedono le seguenti condizioni:

1 - Confessione, fatta entro gli otto giorni precedenti, con l'intenzione di riparare le offese fatte al Cuore Immacolato di Maria. Se uno nella confessione si dimentica di fare tale intenzione, può formularla nella confessione seguente.

2 - Comunione, fatta in grazia di Dio con la stessa intenzione della confessione.

3 - La Comunione deve essere fatta nel primo sabato del mese.

4 - La Confessione e la Comunione devono ripetersi per cinque mesi consecutivi, senza interruzione, altrimenti si deve ricominciare da capo.

5 - Recitare la corona del Rosario, almeno la terza parte, con la stessa intenzione della confessione.

6 - Meditazione, per un quarto d'ora fare compagnia alla SS.ma Vergine meditando sui misteri del Rosario.

La salvezza eterna della propria anima è ciò che vi è di più importante nella vita. “Che giova all’uomo guadagnare il mondo intero, se poi perde la sua anima?” ha ammonito Gesù. Le pie pratiche dei 9 primi venerdì e dei primi cinque sabati del mese sono un aiuto straordinario dei cuori di Gesù e di Maria per raggiungere il fine ultimo della nostra vita, la gioia eterna del paradiso.

Vostro Padre Livio

 

Commento di P. Livio al messaggio della Regina della pace 
a Mirjana di Medjugorje, 2 giugno 2018

Come ogni 2 del mese verso le ore 9 del mattino la Madonna è apparsa a Medjugorje alla veggente Mirjana e le ha dato il seguente messaggio:

"Cari figli, vi invito ad accogliere con semplicità di cuore le mie parole, che vi dico come Madre, affinché vi incamminiate sulla via della luce piena, della purezza, dell’amore unico di mio Figlio, uomo e Dio. Una gioia, una luce indescrivibile con parole umane penetrerà nella vostra anima e verrete afferrati dalla pace e dall’amore di mio Figlio. Desidero questo per tutti i miei figli. Perciò voi, apostoli del mio amore, voi che sapete amare e perdonare, voi che non giudicate, voi che io esorto siate un esempio per tutti quelli che non percorrono la via della luce e dell’amore o che hanno deviato da essa. Con la vostra vita mostrate loro la verità, mostrate loro l’amore, poiché l’amore supera tutte le difficoltà e tutti i miei figli sono assetati d’amore. La vostra comunione nell’amore è un dono per mio Figlio e per me. Ma, figli miei, ricordate che amare vuol dire sia voler bene al prossimo che desiderare la conversione della sua anima. Mentre vi guardo riuniti attorno a me, il mio Cuore è triste perché vedo così poco amore fraterno, amore misericordioso. Figli miei, l’Eucaristia, mio Figlio vivo in mezzo a voi e le sue parole vi aiuteranno a comprendere. La sua Parola, infatti, è vita, la sua Parola fa sì che l’anima respiri, la sua Parola vi fa conoscere l’amore. Cari figli, vi prego nuovamente, come Madre che vuol bene ai suoi figli: amate i vostri pastori, pregate per loro. Vi ringrazio!"


Testo del commento al messaggio a cura di P. Livio

Come sempre i messaggi a Mirjana sono molto più estesi e anche più ricchi di esortazioni rispetto ai messaggi del 25 del mese. A mio parere, la Madonna in questo messaggio ci esorta, ma nel medesimo tempo ci ammonisce, vorrebbe di più da noi. La Madonna ci esorta infatti ad accogliere le sue parole: “vi invito ad accogliere con semplicità di cuore le mie parole, che vi dico come Madre”, vuole che le sue parole fruttifichino nei nostri cuori e producano luce, pace, gioia: “affinché vi incamminiate sulla via della luce piena, della purezza, dell’amore unico di mio Figlio, uomo e Dio”.

Vuole che siamo più attivi nel portare le anime a Gesù con l'esempio della vita, con l'esempio della luce; insomma la Madonna vuole di più e ce lo dice tuttavia con toni molto materni, quasi ad incoraggiarci, più che a rimproverarci.

Questi meravigliosi messaggi non danno quei frutti che Lei si attende. La Madonna vuole che noi accogliamo queste sue parole che una volta ha definito preziose, perché sono un insuperabile commento al Vangelo di suo Figlio, in modo tale che illuminino la nostra vita ed accendano nel cuore l'amore per suo Figlio Gesù.

E qui, come ha fatto in tanti altri messaggi, la Madonna parla di suo Figlio e ne sottolinea sia l'umanità sia la divinità: “mio Figlio, uomo e Dio”, perché proprio questo è lo smarrimento di tanti che considerano il Cristianesimo una religione umana e dubitano che esista una Divina Rivelazione. Questa è la vera radice della crisi della fede nel nostro tempo! Cioè la negazione della Divinità di Gesù Cristo, la negazione della Divina Rivelazione, la negazione dell'origine divina della Chiesa, la negazione della vita eterna, la negazione anche dell'anima immortale.

 La Madonna in un bellissimo messaggio ha tenuto a sottolineare che Gesù è una Persona della Santissima Trinità, è il Figlio eternamente generato dal Padre. Questa è una sottolineatura fondamentale oggi, perché qui c’è la crisi della fede. “Una gioia, una luce indescrivibile con parole umane penetrerà nella vostra anima, e verrete afferrati dalla pace e dall’amore di mio Figlio”. Lei vuole appunto che l'amore di Gesù, la luce di Gesù, trabocchino nei nostri cuori e nei cuori di tutti gli uomini, perché tutti sono suoi figli. “Desidero questo per tutti i miei figli”, nessuno è escluso.

Perciò la Madonna ci dà una scossa e dice: “Perciò voi, apostoli del mio amore”, ci chiama così perché è tanto tempo che ci sta formando e inviando presso i fratelli, attenzione: “voi che sapete amare e perdonare, voi che non giudicate, voi che io esorto”, un po' come una mamma esorta suo figlio: “so che sei tanto bravo, comportati bene” la Madonna ci dice “mi raccomando, imparate ad amare, a perdonare, a non giudicare”. Non giudicare significa non sostituirsi a Dio. Non condanniamo le persone. No! Noi dobbiamo guardare le persone con uno sguardo di compassione e pregate per loro, specialmente per quelle persone che si comportano in modo tale da rovinare se stesse, non diciamo “peggio per loro, si arrangino”, abbiamo compassione per loro, presentiamole a Dio nella preghiera perché si convertano, “siate un esempio per tutti quelli che non percorrono la via della luce e dell’amore”. Sono due i percorsi della vita: uno è la via della salvezza, che la Madonna chiama qui la via della luce e dell'amore, è la via che ci porta in Cielo, è la via del Paradiso, è la via di Gesù Cristo, la via di Colui che è la via, la verità, la vita. “Voi dunque che siete su questa strada, dovete essere l'esempio per quelli che sono su un'altra strada” che la Madonna chiama più volte “la via della rovina”.

Il Vangelo la chiama la “via della dannazione”, io amo chiamarla “il labirinto”.
Ci sono uomini che vivono la vita come il cammino dal tempo all'eternità e quindi sono in un viaggio, un pellegrinaggio verso la Gerusalemme Celeste e quindi camminano verso una meta oltre il tempo, oltre la morte che è il traguardo che Dio ha stabilito per tutti gli uomini. Molti invece si aggirano in un labirinto oscuro senza porte e senza finestre, da cui non si riesce più a uscire e si gira a vuoto per tutta la vita finché non si stramazza al suolo morti. Sono quelli che pensano che con la morte finisce tutto e quindi prendono la vita come un vagare, alla ricerca di una felicità che non troveranno mai, perché non c'è nulla che possa soddisfare il cuore umano nell'oceano sterminato dell'effimero. “Voi dovete essere di esempio a coloro che hanno deviato da essa”, “dalla via della salvezza”, o non l’hanno mai trovata, “con la vostra vita mostrate loro la verità, mostrate loro l’amore, poiché l’amore supera tutte le difficoltà e tutti i miei figli sono assetati d’amore”, “voi dovete essere di esempio, perché ritrovino la strada della vita, la meta della vita che è Dio, che è Cristo, il suo amore, la sua pace. Dovete far incamminare sulla strada giusta quelli che vanno nel precipizio, verso la perdizione eterna”, questo ci dice la Madonna, questo è il nostro compito!

Che poi è molto semplice: salvare le anime. La Madonna ci sta mobilitando per salvare le anime, la nostra e quella degli altri, incominciando dai nostri familiari. Dobbiamo capire che questo è il compito dei compiti, salvare la propria anima e salvare i nostri fratelli e sorelle a trovare la via che porta in Cielo.Questo è il nostro compito quotidiano, che ci deve stare a cuore, da fare con le opere di bene, col nostro lavoro, col nostro esempio, con la nostra testimonianza.

“La vostra comunione nell’amore è un dono per mio Figlio e per me”. 
E la Madonna ci dice che dobbiamo essere molto uniti in questo, non deve esserci più un lavoro individuale, dobbiamo essere uniti, dobbiamo essere Chiesa, dobbiamo essere comunione.Vivere la comunione dell'amore è il più bel dono che noi possiamo fare a Lei e a suo Figlio, affinché gli altri, come dicono gli Atti degli Apostoli, si convertano vedendo quanto i cristiani si amano!

“Ma, figli miei, ricordate che amare vuol dire sia voler bene al prossimo che desiderare la conversione della sua anima”. Non basta organizzare un pasto per i poveri e poi non far nulla per la conversione delle loro anime. Le opere di misericordia sono sia corporali che spirituali.

La Madonna sottolinea l'importanza che amare il prossimo significa desiderare la conversione della sua anima, solo con le opere di misericordia corporale non abbiamo assolto il nostro compito. Amare il prossimo, non soltanto vuol dire aiutarlo nelle opere materiali, ma desiderare e operare per la sua conversione. Se non facciamo nulla per la salvezza eterna degli altri, vuol dire che il nostro amore è difettoso. La Madonna ha una tristezza e dice: “Mentre vi guardo riuniti attorno a me, il mio Cuore è triste”, e ci dice perché: “perché vedo così poco amore fraterno, amore misericordioso”. Il nostro amore fraterno è manchevole se non c'è la sollecitudine tra noi per aiutarci sulla via della salvezza e per portarci anche gli altri.

La Madonna ci ricorda l'Eucarestia, suo Figlio che ha sacrificato se stesso per la salvezza delle anime e ci dice di guardare all'amore di suo Figlio che ha offerto la vita in remissione dei peccati: “Figli miei, l’Eucaristia, mio Figlio vivo in mezzo a voi e le sue parole vi aiuteranno a comprendere” che salvare le anime è la cosa più importante. “La sua Parola, infatti, è vita, la sua Parola fa sì che l’anima respiri, la sua Parola vi fa conoscere l’amore”. Bisogna anche chiedere la Grazia dello Spirito Santo, perché se non leggiamo il Vangelo, rimaniamo insensibili e non ne capiamo neanche il significato letterale.

“Cari figli, vi prego nuovamente, come Madre che vuol bene ai suoi figli: amate i vostri pastori, pregate per loro”.

La Madonna ci ripete l'atteggiamento che dobbiamo avere verso i pastori che sono i sacerdoti, i vescovi, i cardinali e il Papa. Noi dobbiamo avere un atteggiamento duplice: di fede, perché attraverso di loro ci viene la grazia della salvezza, i Sacramenti vengono dall'Ordine Sacerdotale. La Madonna vede il pericolo di questo attacco satanico di denigrazione all'ordine sacerdotale, i sacerdoti hanno anche loro i peccati. Ma quanti santi, quanti umili servitori di Gesù ci sono fra loro! La Madonna non vuole critiche, malevolenze nei loro confronti, poi se loro sbagliano risponderanno davanti a Dio, tutti dobbiamo guadagnare il Paradiso. Dobbiamo sostenerli, pregare per loro, amarli. “Vi ringrazio!”

Clicca QUI e ascolta 
l'audio del commento al messaggio del 2 giugno
a cura di P. Livio



 

 

Vuoi ricevere comodamente a casa tua un libro di P. Livio? E' semplice, comodo e veloce: telefona all'ufficio informazioni, fai la tua richiesta ai nostri volontari ed entro pochi giorni lo riceverai direttamente a casa  tramite corriere!
TELEFONO: 031-610600 - MAIL info.ita@radiomaria.org - CATALOGO



   

CERCHI QUALCOSA?

Contenuti Medjugorje

Risultati immagini per madonna medjugorje

RADIO MARIA E IL PAPA

Notizie dal mondo della chiesa

Le nostre preghiere

Devozioni, Coroncine, Novene, Suppliche

Risultati immagini per DEVOZIONI SUPPLICHE




notizie radio vaticana

Ricerca Collaboratori

Se vuoi collaborare con noi clicca qui

Radio Maria - Via Milano 12, 20036 Erba (CO) - CF 97152910580 - info.ita@radiomaria.org

Privacy | Mappa del sito | Versione stampabile | Entra | © 2008 - 2018 Radio Maria | Powered by WFRM