I

Newsletter di RadioMaria

NEWSLETTER DI P. LIVIO - 28 DICEMBRE 

 

NEWSLETTER DI P. LIVIO - 28 DICEMBRE 

CONTEMPLIAMO LA SANTA FAMIGLIA DI NAZARETH

Cari amici, 
il buio della notte di Betlemme è illuminato dallo splendore della Santa Famiglia di Nazareth.

E’ la luce della santità divina che risplende nell’umiltà della natura umana. Il Bambino Gesù è il Figlio di Dio, Il tre volte Santo, la fonte di ogni santità.

Egli è la luce che illumina le tenebre della menzogna e della morte. Egli è la grazia che spezza le catene del peccato e del maligno. Egli è la speranza che conduce alla vita eterna del cielo.

Guardiamo a Maria, la Madre di Dio, la Tutta Santa, la sempre Vergine. Fin dal primo istante del suo concepimento è adornata da uno splendore singolare di santità, che le viene interamente dal Figlio.

“Più di ogni altra persona creata, il Padre l’ha benedetta con ogni benedizione spirituale nei cieli in Cristo. In lui l’ha scelta prima della creazione del mondo per essere santa e immacolata al suo cospetto nella carità 
(cfr C.C. C. 492).

“Maria per la grazia di Dio, è rimasta pura da ogni peccato personale durante tutta la sua esistenza” 
(C.C.C 493). Essendo stata concepita tutta santa e avendo corrisposto perfettamente a questa inestimabile grazia, la Chiesa riconosce nella Santissima Vergine Maria “il modello e la sorgente” della santità 
(Cfr C. C. C. 2030).

Guardiamo a S. Giuseppe, “uomo giusto”, che nel momento del turbamento e dell’incertezza, risponde con l’obbedienza della fede alla volontà di Dio e adempie, nell’umiltà e nella fedeltà, la sua missione a fianco di Gesù e Maria.

In questo tempo di attacco diabolico alla famiglia, attingiamo alla inesauribile sorgente di santità della Famiglia di Nazareth, affinché le nostre famiglie siano scuole di santità e oasi di pace e di amore.

Vostro Padre Livio


Messaggio della Regina della Pace, 25 dicembre 2018 * Santo Natale *



Cari figli! 
Vi porto mio Figlio Gesù che è il Re della pace. 
Lui vi dona la pace, che questa pace non sia 
solo per voi, figlioli, ma portatela agli altri nella gioia e nell'umiltà. Io sono con voi e prego per voi in questo tempo di grazia che Dio desidera darvi. 
La mia presenza è il segno dell'amore, mentre sono qui con voi per proteggervi e guidarvi verso l'eternità. 
Grazie per aver risposto alla mia chiamata.


 Testo della telefonata tra P. Livio e la veggente Marija

P. Livio: Dalle prime parole "Vi porto mio Figlio Gesù", comprendiamo che oggi la Madonna è venuta col Bambino Gesù.

Marija: Sì, come ogni 25 dicembre, anche oggi la Madonna è arrivata con Gesù Bambino, come un bebè piccolo, appena nato... è una grande gioia per tutti noi. Oggi poi la Madonna non ha dato solo il messaggio a me, ma anche a Jakov nell’apparizione che lui ha ogni anno a Natale. Così oggi abbiamo avuto doppia grazia.

P. Livio: La Madonna dice che "Gesù è il Re della pace" . 
La Pace è Gesù stesso, per cui accogliendo Gesù accogliamo la pace. 
Marija: Sì. Il giorno di Natale è giorno di pace. Non ci sarebbero guerre se accogliessimo Gesù. Tutti hanno detto che il giorno di Natale è giornata di pace, ma speriamo che davvero non sia pace solo il giorno di Natale. Prima delle apparizioni c’erano diverse famiglie in guerra tra loro a causa dei terreni, dei confini, arrivando a mettersi le mani addosso e anche di più, diventando violenti. A volte le liti duravano anni. Quando la Madonna è arrivata, sotto Natale, ci ha dato messaggi per invitarci alla pace. Ricordo che nei primi anni si andava da una casa all’altra, da una famiglia all’altra e si chiedeva perdono per fare la pace. Col messaggio di oggi la Madonna ci invita a donare la pace, a lavorare per la pace: “Portatela agli altri nella gioia e nell’umiltà”.

P. Livio: Già il 26 giugno 1981 la Madonna ti ha dato il messaggio della pace, sottolineando che la pace va fatta prima di tutto con Dio; perchè se si fa la pace con Dio, poi possiamo portarla anche ai fratelli.

Marija: E’ vero. Soprattutto attraverso la confessione. Ma non deve essere solo per Natale. Qualcuno si ricorda di andare in chiesa solo il giorno di Natale e poi basta. La Madonna ci chiede molto di più... Dobbiamo lavorare su noi stessi per togliere ogni ombra di odio, di violenza, ed essere portatori della pace nella gioia e nell’umiltà, come dice la Madonna.

P. Livio: In questo tempo di grazia del Natale, noi facciamo la pace con Dio soprattutto con la confessione, col pentimento dei peccati e col proposito di una vita nuova, secondo la volontà di Dio.

Marija: Penso che a Natale dobbiamo concentrarci su Gesù Bambino, questo Bambino innocente. Invece oggi si parla della festa, ma non si parla di Gesù, non si parla della Sacra Famiglia, come famiglia di esempio per noi. Anche noi dobbiamo essere nell’umiltà, nell’obbedienza e anche nella gioia, come dice la Madonna... Credo che la Madonna ci chieda di lavorare su noi stessi con la preghiera. La Madonna termina il messaggio dicendo che vuole guidarci verso l’eternità. Come dice in altri messaggi, se noi abbiamo fisso il pensiero sull’eternità, sulla vita eterna, comprendiamo che qui siamo di passaggio, siamo guidati e protetti dalla Madonna e dobbiamo lavorare per l’eternità. Lei ci porta a suo Figlio Gesù, ci porta ad adorarLo, in modo speciale ci porta oggi davanti al presepe, davanti a quel Bambino piccolo e innocente, che qualche anno fà ha detto: “Io sono la vostra pace, vivete i miei comandamenti”. (25-12-2012) Lui ci ama, ma noi dobbiamo aprirgli il nostro cuore e la nostra mente.

P. Livio: Vorrei soffermarmi su questa frase: "Portate la pace agli altri nell’umiltà". Anche nei messaggi a Mirjana ultimamente invita a testimoniare nell’umiltà. Forse vuol dirci: se voi siete credenti e avete la gioia, è grazie a un dono di Dio, quindi avvicinatevi agli altri non credendovi superiori, ma come fratelli; altrimenti la gente si allontana.

Marija: Oggi c’è confusione. Non sappiamo chi siamo, da dove arriviamo. Gesù ci sta dicendo che la presenza della Madonna è segno dell’amore di Dio per noi, è un invito a convertirci... La Madonna ci dice: “Senza Dio non avete nè futuro, nè vita eterna”. “Ritornate a Dio, ai Sacramenti”. Soprattutto in questi giorni che sono qui in Italia vedo l’impazienza, l’odio, la rabbia, il menefreghismo... Come è possibile? Capisco che Medjugorje è un posto speciale, prediletto, un posto protetto... Noi cristiani dobbiamo essere persone positive, di gioia, di incontro, rispettando il nostro prossimo, chiunque sia... amandolo con l’amore di Dio... A volte basta un piccolo gesto verso un vecchietto o un malato...

P. Livio: La Madonna parla di "Questo tempo di grazia che Dio desidera darvi". Il tempo delle apparizioni, della presenza della Madonna, è un tempo di grazia, un grandissimo dono di Dio...

Marija: .... Purtroppo stiamo vivendo questa presenza della Madonna in mezzo a noi come una cosa scontata. Non siamo coscienti che è una grazia che Dio ci sta dando mandandoci sua Madre, ripetendo a noi quanto disse Gesù sulla Croce a Giovanni: “Ecco tua Madre!” Sta condividendo con tutti noi la sua Madre. Viviamo nella gioia questo tempo che ci dà Dio avendo la Madonna con noi. Finchè abbiamo la Madonna, abbiamo speranza... La Madonna ci chiede di mettere la Sacra Scrittura in un posto visibile e di leggerla ogni giorno, di leggere la vita dei santi e imitarli, così anche i suoi messaggi. Ci dice di frequentare i Sacramenti, di obbedire ai Comandamenti... La Madonna dalla montagna delle apparizioni ci ha portato nella chiesa per dirci che siamo membri della Chiesa. C’è chi è un piede, chi un dito, chi un orecchio, ma siamo un unico corpo... La Madonna ci chiama alla santità... Tante volte ha detto: “Dio mi ha permesso di essere con voi”. Gesù permette alla Madonna di venire da noi e guidarci. All’inizio delle apparizioni pensavamo che non sarebbero durate tanto, come a Lourdes, a Fatima, che noi non conoscevamo, ma la gente ci diceva. In questi giorni mi hanno mandato una bellissima descrizione della Madonna di Guadalupe: è un miracolo continuo! Nell’immagine della Madonna incinta, impressa nella tilma di Juan Diego, gli scienziati hanno sentito il battito del cuore di un Bambino. Che doni stiamo vivendo! Dio ci sta sorprendendo in mille modi, vuole svegliarci e ci dice: “Ritorna a Dio! Senza Dio non hai futuro, non hai vita eterna! .... Convertiti! ... Sii portatore di pace”.

P. Livio: ... La Madonna dice che è qui per guidarci verso l’eternità. Il fatto stesso che ogni giorno il Cielo si apre e la Madonna scende sulla terra, ci dice che l’eternità esiste, che il Paradiso esiste. E’ proprio la sua presenza che ci rende certi dell’eternità, mentre c’è chi dice che on la morte finisce tutto.

Marija: ... Questo è Medjugorje grazie alla sua presenza. Noi, allora bambini, abbiamo avuto il coraggio di gridare la presenza della Madonna come gli apostoli a Pentecoste. Soprattutto nei primi anni è stata una continua preghiera. Ma anche oggi i pellegrini che arrivano sentono questa freschezza, questa bellezza e straordinarietà di questa parrocchia, perchè si sente la sua presenza straordinaria. Lo vedi soprattutto durante le ore di adorazione davanti al Santissimo, quando Gesù scalda quello che è gelido, raddrizza tutto quello che è sviato, confuso. Porta chiarezza in tante famiglie che vengono così salvate. Quante persone sono tornate a Dio e alla preghiera! E dicono che tornano a casa con la chiarezza nella mente e nel cuore; e sanno cosa devono fare... La Madonna ci vuol portare a Dio attraverso la confessione, la Comunione, attraverso la S. Messa ogni giorno, se possiamo. Così avremo Gesù con noi. Chi sarà contro di noi se abbiamo Gesù? Vedo che le persone che hanno abbracciato la via della santità sono persone sensibili, chiare, belle... come Madre Teresa. Lei ha passato tante tribolazioni, ma aveva uno sguardo fisso su Gesù... Pregava ore e ore con le sue consorelle al mattino presto prima di andare nella missione ad aiutare i poveri. Noi dobbiamo fare così: avere tempo per Gesù, state con Lui per conoscerlo di più, come dice la Madonna. Adesso che abbiamo nelle nostre case il presepio, cerchiamo di trovare il tempo nella nostra famiglia per stare in preghiera davanti a Gesù Bambino nella grotta. Accendiamo una candela e chiediamo a Gesù la pace, per essere strumenti di pace nelle nostre famiglie e per il mondo intero.


Marija e Padre Livio hanno quindi pregato il “Magnificat” ed il Gloria
Padre Livio ha concluso con la benedizione.



Messaggio della Regina della Pace 
a Jakov, 25 dicembre 2018


"Cari figli!

In questo giorno pieno di grazia in modo particolare vi invito all'amore. Figlioli, Dio Vi ama con un amore immenso e perciò figlioli pieni di fiducia non guardate indietro ma senza paura donateGli i vostri cuori, in modo che Dio li riempia con il suo Amore. Non abbiate paura di credere al suo Amore e alla Sua misericordia, perché il Suo Amore è più forte di ogni vostra debolezza e paura.

Perciò figli miei pieni d'amore nei vostri cuori abbiate fiducia in Gesù e diteGli il vostro sì, perché Lui è l'unica via che vi porta all'Eterno Padre".

L'Apparizione ha avuto l'inizio alle 13:38 fino alle 13:47



   

CERCHI QUALCOSA?

Contenuti Medjugorje

RADIO MARIA E IL PAPA

Notizie dal mondo della chiesa

Le nostre preghiere

Devozioni, Coroncine, Novene, Suppliche

Risultati immagini per DEVOZIONI SUPPLICHE




notizie radio vaticana

Ricerca Collaboratori

Se vuoi collaborare con noi clicca qui

Radio Maria - Via Milano 12, 20036 Erba (CO) - CF 94023530150 - info.ita@radiomaria.org

Privacy | Mappa del sito | Versione stampabile | Entra | © 2008 - 2019 Radio Maria | Powered by WFRM